Negli scorsi 2 mesi di quarantena abbiamo dovuto fare i conti con una revisione radicale delle nostre abitudini e della gestione dei nostri ritmi: molti di noi possono aver sperimentato una sorta di perdita del senso del tempo.

Ora siamo chiamati a confrontarci con una graduale ripresa delle modalità – e dei tempi -precedenti all’isolamento.

Che effetto ci fa l’idea di tornare ai vecchi ritmi? Ci rassicura? Ci spaventa? Qualcosa dentro di noi si “appoggia” o si agita? Cosa sentiamo nel corpo se ci focalizziamo sulle differenze di ritmo tra prima e dopo lockdown? Proviamo con l’immaginazione a oscillare da una situazione all’altra: cosa cambia nel nostro sentire?

Quali considerazioni ci porta a fare questo ascolto? Che bisogni abbiamo contattato o quali informazioni ci sono arrivate dal nostro sentire?

Trova un momento per te, stai nel tuo respiro e contatta il tuo sentire…. osserva…senza giudizio…il resto viene da se…. ricorda che “i perché“ sono della mente…. semplicemente sii l’osservatore di te stesso!

Dottoressa Patrizia Pascucci – psicoterapeuta ad approccio corporeo integrato